giovedì 29 agosto 2013

Editoriale



Cari Lettori,

Finalmente ci siamo: questa è la settimana dell’anno più attesa da tanti noi e per tanti motivi diversi. E’ la settimana di Ferragosto ! Il culmine dell’estate, del divertimento, del fare niente e della spensieratezza. Spiagge prese d’assalto, acqua bollente, canzoni dell’estate a tutto volume e siamo tutti pronti a festeggiare. Anche la nostra Redazione questa settimana festeggia, all’ombra , in villetta. Vi dedico una puntata rilassante basata su semplici ricerche per avere un’idea di quanto Ferragosto sia antica come festa e per sapere come festeggiano i Cristiani del resto d’Europa. Buona lettura e divertitevi!
La Fenice

Ferragosto: festa pagana o cristiana?Ferragosto: festa pagana o cristiana?



La festa di Ferragosto risale al primo secolo a.c. Fu istituita proprio dall’Imperatore Augusto, nel quadro di altre attività organizzate durante l’ottavo mese dell’anno. Il 19 agosto, in fatti, i Romani festeggiavano i Vinalia Rustica ossia una celebrazione religiosa che prevedeva il sacrificio di un agnello come buon auspicio per la vendemmia prossima. Il 21 agosto invece si festeggia la prima festa dei  Consulia, celebrazione organizzata in onore del dio dei granai e degli approvvigionamenti, il dio Conso, appunto.
Ferragosto o Feriae Augusti, era dunque una festa istituita per il riposo, proprio nel periodo delle altre festività del mese per garantire un periodo di tranquillità a chi aveva lavorato alle raccolte fino a quel momento dell’anno. Un’altra manovra propagandistica dell’Imperatore? Può darsi. Molte decisioni prese da Augusto furono proprio viste come modi e metodi per rafforzare e rendere stabile il suo potere.  Tuttavia resta innegabile che il 15 di agosto si festeggia ancora oggi e ha assunto un ulteriore significato importante, di matrice cristiana, questa volta. Il popolo cattolico festeggia in fatti in quella data l’assunzione della Vergine Maria e le celebrazioni religiose in onore della Madre di Dio sono numerose in tutto il mondo cristiano. L’assunzione significa che Maria salì in Paradiso, con il corpo e con l’anima. L’assunzione di Maria in cielo è tuttavia un dogma solo per il ramo cattolico della Cristianità. Per esempio, i Protestanti o gli Anglicani non riconoscono questo evento come dogma, poiché mancano delle fonti scritte che ne comprovino la reale avvenuta.  

Nord Europa: benvenuti in Outremeuse



E’ in Belgio, nel cuore della Città Ardente, più precisamente nel quartiere Outremeuse che i festeggiamenti di Ferragosto durano per ben quattro giorni. Liegi, altro baluardo della Cristianità durante tutto il periodo medievale, festeggia con orgoglio il 15 di agosto tra tradizioni e folclore locali. Un programma che include spettacoli di marionette, danze tradizionali, cortei ma anche la processione della Madonna Nera e una messa recitata in parte in francese, latino e dialetto della zona di Liegi. Come ogni anno, le vie del quartiere di Outremeuse saranno colme di genitori e bambini pronti a rievocare per qualche giorno i tempi in cui, probabilmente, l’appartenenza religiosa era più sentita. Il culmine delle festività viene raggiunto proprio il 15 di agosto, quando esce la processione dalla chiesa di Saint Nicolas, luogo dove è custodita la Madonna Nera, risalente al sedicesimo secolo. Dopo la processione, avrà luogo la messa e poi un immenso corteo che metterà in scena diversi gruppi e confraternite venuti da tutto il Belgio. Il lungo corteo attraverserà tutta la città e il pecket, bevanda alcolica distillata molto forte, colerà a fiumi in tutte le sue varianti. Per concludere le festività, oltre ai fuochi pirotecnici offerti dai proprietari delle giostre che si troveranno in città per tutta la durata delle festività, ci sarà un funerale. Potrebbe sembrare un poco macabro, ma in realtà si tratta del funerale di Matî l'Ohê ossia, in dialetto della zona, Matteo l’Osso. Si seppellisce un osso (solitamente di prosciutto) che rappresenta tutto il divertimento e le festività per concludere i festeggiamenti e ritornare al lavoro. Usanze poco comuni, senz’altro, ma che valgono la pena di essere osservate o di prenderne parte almeno una volta nella propria vita.

Un punto di geografia: Palma de Mallorca



L’isola di Palma de Mallorca fa parte dell’arcipelago delle Baleari, come Minorca, Ibiza e Formentera, anche se le due ultime appartengono in realtà a un altro sottogruppo. Le lingue ufficiali delle isole sono il catalano e lo spagnolo. La storia dell’isola di Palma risale all’Antichità, quando nel 123 a.c. fu invasa dai Romani. Allora l’isola era abitata de tribù indigene non organizzate in città e la costruzione di un vero centro abitato rappresentò una vera novità. Oggi esistono molte ipotesi circa l’effettiva posizione dell’antica città di Palma. L’isola fu poi successivamente il crocevia di altre cultura come quella bizantina e poi araba che invasero e conquistarono la città. Questo misto di culture ha permesso la costruzione di edifici in diversi stili. Oltre alle bellissime spiagge o cale, consigliamo di visitare la Cattedrale di Seu, il Castello di Bellver o ancora gli hammam, veri testimoni dell’arte islamica a Palma. C’è da segnalare anche il faro Portopi, edificato nel 1617, è il faro più antico di Spagna.  Giro dell’isola consigliato!

La Spagna e il 15 di agosto: tradizioni e apparizioni



Si festeggia anche in Spana il 15 di agosto e numerose sono le città che ricordano in quell’occasione la Vergine Maria. In ogni parte della Spagna, devoti celebrano festività in suo onore. A Madrid, nei quartieri La Latina, Vistillas e Lavapies, per esempio, si rende onore alla Virgen de la Paloma o Vergine della Colomba. Questo culto, istituito nel secolo diciottesimo, da origine a festeggiamenti che iniziano il 6 agosto quando il quadro della Madonna viene portato in città e si protraggono fino alla processione del 15 di agosto. In quei giorni, i balli folcloristici con abiti tradizionali non mancano e come lo vuole la tradizione, si celebra bevendo sangria e mangiando dei panini ripieni di calamari. A Leganes invece si venera la Virgen de Butarque. Il culto per la Vergine di Butarque, come lo racconta la leggenda, data del 1197 quando un mugnaio trovò nell’erba a meta seppellito un quadro della Madonna. Pare che essa chiese al mugnaio di fare costruire un altare e istituire il culto per compiere così il suo più sincero desiderio. Il mugnaio non disubbidì. Nelle isole Canarie, in particolare a Tenerife, il 15 di agosto si celebra la Virgen de la Candelaria, una vergine chiamata anche Moretina proprio per il colore scuro della sua carnagione. Lo stesso culto della Vergine della Candelaria si festeggia anche in alcuni paesi del Sud America. In conclusione, anche in Spagna quindi l’Assunzione di Maria in cielo è molto sentita e sono numerosi i festeggiamenti. La ricchezza di questa festa, in origine pagana, è che permette a ogni popolo di esprimere la propria devozione restando se stesso. In effetti, le tradizioni popolari a volte un poco dimenticate, si mescolano alle tradizioni religiose quasi permettendoci un salto nel passato, quando lentamente le lingue romanze prendevano forma.

Ricetta – cocktail di Ferragosto



Ingredienti:
1 vaschetta di ribes
2 mele Smith
Zucchero di canna q.b.
½ bicchiere di vodka
Ghiaccio
Procedimento:
Lavare i ribes e sbucciare le mele. Tenere da parte la buccia delle mele e qualche ribes per decorare. Tagliere a pezzetti le mele e togliere i ribes dal rametto. Frullare la frutta. Aggiungere il mezzo bicchiere di vodka e lo zucchero di canna. Servire in bicchiere da cocktail con ghiaccio. Tagliare la buccia di mele a ricciolini e disporre attorno al rametto di ribes. Completare la decorazione con qualche cannuccia colorata.