Visualizzazione post con etichetta illibrodellasettimana. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta illibrodellasettimana. Mostra tutti i post

mercoledì 10 dicembre 2014

Il libro della settimana: il venditore di cappelli, Elda Lanza

Un nuovo caso che stuzzica la curiosità dell'ex commissario di polizia Max Gilardi e sconvolge il suo cuore...il racconto inizia a Napoli, dove un venditore di cappelli, Domenico Sarli, scompare lasciando come unica traccia una busta vuota indirizzata a Gilardi. Su questo ultimo si accendono i riflettori della stampa che ipotizza di tutto. Interrogato dalla polizia, l'avvocato decide di indagare per conto suo, incuriosito. Del venditore di cappelli, nessuna traccia. I media tornano a dedicarsi all'unico caso di cronoca nera degli ultimi mesi: un cadavere rinvenuto completamente sfigurato. Circa venti giorni dopo la sua scomparsa, Domenico Sarli ritorna come se nulla fosse in ottima compagnia: l'uomo spiega di essere semplicemente stato in Romania, dalla sua bellissima amata per sposarsi... entra allora in scena l'irraggiungibile e affascinante Ermeline. Gilardi sprofonda in una losca storia che vede complici uomini e donne altolocati, storie di delinquenti e poliziotti; nell'oscuro scenario, l'unico raggio di luce arriva da Paola, disegnatrice di gioielli. Con il suo amore, salverà Max Gilardi e gli regalerà la chiave dell'enigma. Un romanzo da leggere tutto di un fiato, con personaggi intriganti e appassionanti. Un intreccio che soddisfa tutte le attese dei lettori che desiderano leggere un vero giallo, anche se si riscontrano caratteristiche di altri generi letteri nel romanzo, rendendol cosi più verosimile e completo. Il venditore di cappelli è basato su un incredibile equilibrio letterario di altissima qualità, un romanzo perfetto da leggere tutto di un fiato. Altamente raccomandato.

martedì 11 novembre 2014

Il libro della settimana: dell'amore più grande, Alessia Maria di Biase

Oggi ho scoperto che non sarò mai più sola...così si apre il diario di una ragazza alle prese con gli esami universitari che scopre di essere in dolce attesa. Qualche riga sul suo diario e ecco che inizia fra lei e il suo piccolo - allora più piccolo ancora di un fagiolo - una lunga conversazione che durerà per tutto il primo anno di vita del piccolo. La futura mamma redige uno splendido diario nel quale confessa tutte le sue impressioni, i suoi sentimenti, le sue gioie e le sue paure. Mano a mano che trascorrono i mesi della gravidanza, la giovane donna scopre un'altra parte di sé mentre il lettore impara a conoscere questo universo profondo, quello della maternità e comprende perché l'amore possa vincere su tutto. In effetti, la nostra protagonista vive una storia di oggi, una storia di tutti i tempi: attende un figlio da un compagno che non si vuole assumere la responsabilità di essere padre, la responsabilità di amare. Come farà questa giovane studentessa a portare il peso dell'attesa nella più totale solitudine? E quando il suo piccolo nascerà? Quante notti insonne l'attende? Ma soprattutto, si può pensare di rinunciare con facilità alla gravidanza? Quale è la giusta decsione da prendere in un mondo in cui legalità e facilità vanno a spasso sulla stessa spiaggia? Tante domande che si devono porre molte donne...carriera o famiglia? Quale oggi il ruolo della donna? In Dell'amore più grande per DeComporre Edizioni, si può forse trovare una risposta o se non altro, almeno la certezza che l'amore esiste ed è il più grande che si possa mai conoscere: l'amore di una madre per il proprio figlio. Altamente raccomandato.

martedì 23 settembre 2014

Il libro della settimana: Pétronille, Amélie Nothomb

Forse stretto il titolo della nostra rubrica per accogliere un commento sul nuovo romanzo di Amélie NothombPétronille non è, in fatti, il libro della settimana,  ma il libro di Amélie Nothomb che ci dovrà bastare finché non verrà pubblicato il prossimo. Non è per mettere fretta a nessuno,  tuttavia è innegabile il fatto che lo si legga tutto di un fiato! Naturalmente,  nell'attesa, potremmo assaporare il racconto ricordandoci frasi a memoria e ne decanteremo in tal modo ogni aspetto. Pétronille è una giovane studentessa universitaria che ama leggere e scrivere. Amélie Nothomb, scrittrice di grande talento, è alla ricerca di una degna compagna per bere il suo adorato champagne. Pétronille e Amélie si incontrano durante una seduta di dediche, in una libreria di Parigi durante la quale Amélie è impegnata a selezionare mentalmente la possibile compagna di bevute. Il romanzo racconta l'amicizia che nasce tra le due donne e le vicende che vivranno insieme tra Parigi, Londra, Bruxelles, il deserto del Sahara ma anche, salendo in una bolla di prezioso elisir, il Giappone. Un folle racconto pieno di umorismo, di eleganza e delicatezza - caratteristiche proprie dell'autore belga - che termina in un modo inatteso dopo aver trasportato il lettore sulle onde di champagne che la scrittrice ama in maniera passionale. Attraverso le mille bolle dorate, il mondo è tutto letteratura, scrittura, manoscritti, sentimenti e infinite bevute! In questo romanzo, l'impiego del genere, in buona parte, autobiografico permette al lettore di riscoprire la Nothomb degli esordi. Il volume, pubblicato da Albin Michel, fa parte delle selezioni della rentrée littéraire ed è disponibile anche in e-book. In Italia, è la Voland Edizioni che pubblica i capolavori di Amélie Nothomb. Indispensabile.

sabato 23 agosto 2014

Il Libro della Settimana: Votli Dimenticati, Aldo Cavallo

Questa settimana la nostra Redazione è lieta di presentarvi un'opera di grande valore dal punto di vista storico, dal punto di vista della memoria collettiva e dal punto di vista letterario. Una testimonianza che potremmo paragonare a quella delle Metamorfosi di Ovidio, quando il poeta latino partì per la Grecia, allo scopo di ascoltare, raccogliere testimonianze e racconti di vecchie leggende sulle trasformazioni degli dei ... Anche Aldo Cavallo, a sua volta, ha avuto la pazienza, nel bel mezzo delle sue ricerche sulla Seconda Guerra Mondiale, di ascoltare anziani di diversi comuni del casertano. Come Ovidio, ha scoltato narrazioni vere, vicende vissute con intensità più di sessant'anni fa. Queste preziose testimonianze, questi racconti di gente comune - che ha vissuto la guerra nelle campagne, nei posti lontani dalla capitale, magari anche all'oscuro di quanto succedesse nel resto dell'Europa - hanno segnato l'autore Aldo Cavallo. Volti Dimenticati è una raccolta di questi racconti, redatti con uno stile limpido. I personaggi, Giovanni, Antonio, Erminia, Hans, Peppino, Giulio e gli altri, sono tutti indimenticabili. Volti Dimenticati si presenta con una nota dell'autore all'inizio di ogni storia narrata e con qualche fotografia. L'allestimento dell'opera - edita da Mediterraneo Edizioni -  risulta minuziosa e piacevole da leggere. I commenti che precedono le vicende narrate hanno come effetto quello di rendere ogni storia unica, permette al lettore di risalire indietro nel tempo, percependo tutto l'orrore di un episodio nero della Storia, ma anche il candore, l'amore che le persone possono comunicare. Questo lo rende consigliabile sia a un pubblico molto documentato sulla Seconda Guerra Mondiale sia a chi non è molto informato. E' consigliabile anche a un pubblico giovane che deve ancora scoprire l'argomento.

mercoledì 20 agosto 2014

Il Libro della Settimana, spazio ai classici: Viaggio al Centro della Terra, Jules Verne

Questa settimana vi proponiamo un salto nel passato! La nostra Redazione è attualmente impegnata nella preparazione delle recensioni di alcuni romanzi di eccezione che vi presenterà nei prossimi giorni! Non mancheranno le sorprese e ce ne sarà per tutti i gusti! Ci eravamo lasciati con i racconti di Sandra Cervone, Oltre - Racconti del Probabile e  vi proponiamo oggi un classico della letteratura francese. Torniamo a considerare le strane avventure di Axel e suo zio, il celebre professore Lindenbrock di Viaggio al Centro della Terra di Jules Verne. Il professore insegna mineralogia ad Amburgo. E' uno scienziato temerario che non ha paura di partire all'avventura, alla ricerca della strada che lo porterà a scoprire il centro della Terra. Un viaggio affascinante, vissuto attraverso le ansie e i timori del giovane Axel che mescolano sapientemente umorismo e suspense. Dal ritrovamento di un'antica pergamene con qualche indizio, passo dopo passo, il Prof. Lindenbrock vi guiderà in un'avventura pazzesca dai risvolti più inattesi. Jules Verne è l'inventore del romanzo scientifico di anticipazione. I suoi romanzi narrano di vicende avventurose basate su elementi scientifici. E' l'autore anche di Dalla Terra alla Luna, L'Isola Misteriosa, Venti mila leghe sotto i mari.

martedì 5 agosto 2014

Il Libro della Settimana, Oltre di Sandra Cervone

Questa settimana vi proponiamo una serie di racconti che potrete leggere ovunque a vostro piacimento dato che si tratta di una produzione deComporre Edizioni dal comodo formato. La casa editrice, originaria del Basso Lazio, offre ai lettori in copia cartacea diverse opere pubblicate in sette collane le quali toccano argomenti diversi. Oltre, racconti del probabile è l'ultima opera edita della scrittrice, giornalista e poetessa Sandra Cervone per deComporre edizioni ed è la scelta della settimana. Letterata - figlia della sua epoca - Sandra dimostra in questa raccolta di storie di vita umana la straordinaria capacità di penetrare l'animo umano, cogliendone tutte le contraddizioni e illuminandone tutti i meandri. Lo stile puro contiene un qualcosa di magico, che appunto, va oltre il singolo significato delle parole. Uno stile piacevole che fa apprezzare la lingua italiana e ne svela le meraviglie. Ogni vicenda sembra rigirare il senso di probabile lasciando tuttavia a ogni protagonista la possibilità di rivelare il suo vero io. I racconti di Sandra Cervone catturano tutto quello che c'è di più bello e che solo la letteratura consente senza limiti: la diversità, la possibilità di esprimere l'infinitamente sublime per  arrivare perfino a quello che è abietto o indecente. Racconti che parlano d'amore, racconti ispirati alla quotidianità, al sogno mai realizzato. Pure perle di momenti fuggenti, le storie si susseguono una dopo l'altra e si arriva alla fine della raccolta senza aver nemmeno notato che il libro è terminato. A questo punto, si chiede all'autrice, a quando il prossimo? Per ulteriori informazioni oppure per acquistare l'opera www.decomporredizioni.com.

lunedì 28 luglio 2014

Il Libro della settimana: Il senso del dolore, indaga il commissario Ricciardi

Arriva a Gaeta Maurizio de Giovanni il prossimo 30 luglio 2014 nell'ambito della rassegna letteraria Libri sulla Cresta dell'Onda. Un appuntamento da non perdere per conoscere l'autore del commissario Ricciardi. Proponiamo ai lettori, in attesa dell'appuntamento di mercoledì 30 luglio, di leggere Il senso del dolore allo scopo di presentarvi Maurizio de Giovanni. Il romanzo fa parte del ciclo delle avventure del giovane commissario Ricciardi, attivo nella Napoli dei primi anni dello scorso secolo. Una realtà difficile quella della città partenopea che mette in risalto le contraddizioni, ancora attuali, di una della città più conosciute al mondo. In questo episodio, il vento freddo dell'inverno accompagna il giovane e affascinante commissario in un'intricata vicenda che inizia con l'uccisione del tenore Arnaldo Vezzi, trovato dissanguato nella sua stanza, nel teatro San Carlo. Fare luce sulle dinamiche che hanno preceduto l'assassinio è compito del commissario e dei suoi collaboratori. Da dove cominciare? Tra ostilità e discussioni tra Ricciardi e suoi superiori che non esitano, pur di fargli pressione, a mettere in evidenza le differenze gerarchiche - la cosa in qualche modo ci lascia pensare a Simenon e a Maigret -  l'unico appiglio è il fatto. La strana capacità del giovane commissario di vedere vivi e morti ...  o meglio di poter anche ascoltare l'ultimo pensiero dei defunti ... l'ultimo pensiero di Arnaldo Vezzi era un verso della nota opera Pagliaccio. Tra un prete che non parla e una vedova troppo desiderosa di parlare, l'affascinante commissario dagli occhi verdi ha il suo bel da fare. Riuscirà a smascherare l'assassino? Lo saprete soltanto leggendo Il Senso del Dolore! Perché scegliere questo romanzo? Perché l'arte di Maurizio de Giovanni è quella di dipinegere i sentimenti umani; è proprio questa caratteristica che permette al romanzo di essere accessibile a tutti, anche a quelli che non sono veri fan del giallo. Sorprende l'analisi dell'animo umano turbato da passioni, amori, gelosie effettuata dal protagonista. Spesso i pensieri degli uomini assomigliano a un mare in tempesta, magari lo stesso mare che infrange le sue onde sul Castel dell'Ovo, mentre il vento si infila per i vicoli fischiando ...Io sangue voglio, all'ira m'abbandono, in odio tutto l'amor mio finì ...Per amanti dei gialli e non, altamente consigliato!

sabato 19 luglio 2014

Il Libro della Settimana: Fegato e Cuore, Alessandro Marchi

Fegato e Cuore, un romanzo tutto pieno di speranza e anche molto divertente, firmato Alessandro Marchi. Vincenzo Caligiuri, alias Vinnie, è partito dall'Italia per recarsi a Londra, dove pensa di poter lavorare per migliorare la sua vita. Dopo non poche difficoltà, Vinnie trova un lavoro in un fast food e riesce a farsi degli amici: Craig, con il quale dividerà casa, Joshua, Mark e Fernand. La sua vita è regolata dai turni del lavoro fino a quando Vinnie non trascura una regola importante imposta dalla catena per la quale lavora: non servire alcolici dopo ora di cena. Entra allora in scena un curioso personaggio che suscita repulsione, in un certo senso, anche disgusto: si tratta di Steve Campbell. Steve varca la soglia del ristorante una sera, dopo l'ora di cena, quasi ubriaco, e ordina soltanto una birra con una scusa qualsiasi. Allora Vinnie, zelante fino a quel momento, con naturalezza, gliela serve. Steve deciderà di tornare tutte le sere con la stessa pretesa e una scusa diversa, fino a quando Vinnie non verrà punito dal suo datore di lavoro. Quella sera, dopo un lungo discorso con il titolare, Vinnie esce dal ristorante e Steve, ubriaco come sempre, accompagnato questa volta da una prostituta, porge uno scontrino con il suo numero al "mangiaspaghetti" raccomandandogli di chiamarlo la settimana seguente perché ha qualcosa da proporgli. In quel momento, Vinnie non conosce il segreto di Steve e non sa che un cuore sotto formalina, a volte, batte più forte di un cuore vivo. Se a volte non si sa bene perché ci si comporta in un certo modo con alcune persone, è il caso di lasciare spazio a una voce che quasi non sentiamo, una voce che si nasconde nel profondo del nostro essere e che può essere la chiave di volta di un'esistenza.
Fegato e Cuore è una scelta editoriale della casa editrice Booksalad messa a catalogo nel 2013. Booksalad seleziona scrittori che trasmettono una voglia di vivere notevole e ha a disposizione tre collane. Per qualunque informazione vi consigliamo: http://i77385.wix.com/booksalad. Buona lettura!

sabato 12 luglio 2014

Dell'amore e di altre catastrofi, Corrado Iacotucci

Chi ama l'amore...chi sogna i milioni...ma il cielo è sempre più blu. No, non vi proponiamo questo sabato una biografia di Rino Gaetano, ma la sua canzone che elenca tutti gli stili di vita, senza discriminazione, può essere un punto di partenza per presentarvi Dell'amore e di altre catastrofi. Andrea, Cinzia, Carolina, Silvia, Stefano...tutti protagonisti della raccolta di racconti di Corrado Iacotucci, che ha visto la sua opera pubblicata da deComporre Edizioni, collana Whatever. Si tratta di storie narrate con un unico denominatore: l'amore. In tutte le sue forme, sotto tutti i punti di vista, con uno stile semplice, Corrado dimostra che non c'è regola, che non ci sono obblighi o impostazioni da rispettare. L'amore è un diamante che emana a volte una luce oscura, ma sempre illumina. Ogni racconto è un quadro animato che evidenzia la complessità dei rapporti umani, la difficoltà di comprendere a volte ciò che ci anima. I personaggi, descritti nella loro quotidianità simile a quella di tante persone, evocando luoghi ai lettori del Golfo di Gaeta noti, rendono le storie più verosimili. Ogni vicenda si rivela appassionante, toccante per quanto in essa contenuto e la si legge con la consapevolezza che potrebbe essere la nostra storia. La raccolta si apre con Roberto, giovane di Ventotene, seducente e scapolo. Ogni gorno d'estate, attende l'arrivo del traghetto con impazienza per osservare le ragazze. Questa estate, sembra che le ragazze siano tutte uguali nel piccolo porto dell'isola ponziana...tutte tranne Paola! Riuscirà Roberto a sedurre Paola? Questo libro è indicato per un pubblico vasto, di tutte le età perché può divertire, insegnare, permettere di comprendere e commuovere! Trattandosi di racconti, non è necessario leggerli in ordine, ma vi avverto, cari lettori, per chi inizia, è difficile smettere! Altamente consigliato. Siete interessati? In un clic su www.decomporredizioni.com! Consultate anche il catalogo della casa editrice, vi attendono molte sorprese!

sabato 5 luglio 2014

Premio Strega: vince il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti di Francesco Piccolo è stato scelto come romanzo vincitore del Premio Strega 2014 con 140 voti. In questo romanzo, Francesco Piccolo esprime la difficoltà di non appartenere completamente a nessun gruppo, pure volendo farne parte. In parte autobiografico, il romanzo parla della scelta consapevole di Francesco, a soli dieci anni di essere comunista. La scelta risale al 1974 quando è ancora ben saldo il muro che separa la Germania e quando tutto il mondo è costretto a scegliere: capitalisti o comunisti. Francesco, figlio di una famiglia borghese, decide di stare dalla parte dei più poveri, dei più deboli. La sua posizone lo allontana da suo padre che gli ripete incessantemente che è facile difendere i più poveri quando si è nato in una famiglia ricca. Dall'altro lato, mentre il Movimento Studentesco si dà da fare per rivendicare le proprie opinioni, Francesco non può affiancare gli altri membri del movimento che puntano il dito contro di lui per le sue origini borghesi. L'opera di Francesco Piccolo è stata dichiarata degna dell'ambito premio letterario dalla giuria composta questo anno anche dal ministro Franceschini. Si ricordano gli altri quattro finalisti: Non dirmi che hai paura, Giuseppe Catozzella; Lisario o il piacere infinito delle donne, Antonella Cilento; La vita in tempo di pace, Francesco Pecoraro e Il Padre Infedele, Antonio Scurati.

sabato 28 giugno 2014

Ascoltavo le maree, Guido Mattioni

Ascoltavo le maree, ecco il primo volume che  la redazione della Gazzetta ha deciso di presentarvi per inaugurare la stagione estiva di letture sotto l'ombrellone! Si tratta di un romanzo pubblicato nel 2013, redatto con tanta passione per la scrittura, per una città e per la vita; una vera rivelazione. L'autore, che abbiamo avuto l'onore di incontrare al Salone di Torino ci ha svelato il punto di partenza del romanzo: la perdita della cara moglie, sebbene non si tratti di una autobiografia.  Guido Mattioni ha espresso le sue impressioni più profonde in questo romanzo strepitoso nonostante il difficile tema scelto.  Attraverso le parole del protagonista, Alberto Landi, emerge un chiaro messaggio di speranza che non svanisce mai, la convinzione malgrado la sofferenza, che si possa ricominciare. Alberto Landi vive a Milano e dopo aver perso la moglie Nina a causa di un'improvvisa malattia, decide di tornare a Savannah dove la coppia aveva trascorso momenti indimenticabili. Lì, lo accoglie una delle città americane più pittoresche, fiera delle sue tradizioni. L'amicizia con alcuni abitanti permette a Alberto di riprendere i fili della sua esistenza, mentre osservare la città di Savannah, il cane sul pontile e il gatto che si tuffa in acqua, permettono a Landi di godere attimi di serenità.  Guido Mattioni in questo racconto coglie il meglio del dolore, la luce nell'oscurità assoluta e la rende agli altri in uno scrigno di circa duecento pagine che si leggono praticamente di un fiato. Tutto inizia con una partenza,  un viaggio in aereo che rievoca mille ricordi. Per il vedovo milanese, il viaggio è soltanto l'inizio, quel che conta, è giungere a Savannah per ritrovare una parte di sé che la città gli aveva rubato. Il romanzo, il cui titolo ne  racchiude l'essenza, riproduce il rumore delle maree, un andare e venire tra realtà e finzione,  tra ricordi e attimi fuggenti, tra notte e giorno. Come fanno le maree, avanti, indietro, con ritmo. Piano piano il lettore assaggia atmosfere passate che si allontanano per dare spazio a impressioni note. Ascoltavo le maree è una lettura meravigliosa non solo per la struttura particolare del romanzo ma anche per lo stile limpido dell'autore, giornalista, caporedattore, vicedirettore per il Giornale e Epoca, fra altre testate. Negli Stati Uniti,  il volume è stato scelto come testo di studio della lignua e della cultura italiana alla Learn Italy di New York. Guido Mattioni è anche l'autore di Soltanto il cielo non ha confini pubblicato da Ink Edizioni. Ascoltavo le maree è disponibile in e-book e in copia cartacea. Per saperne di più sulla casa editrice http://www.inkedizioni.com/; per avere ulteriori informazioni su Ascoltavo le maree Fb - Pagina Ascoltavo le maree. Altamente consigliato.

lunedì 31 marzo 2014

1861: l'assedio di Gaeta secondo Don Saverio, Charles e Vicenzo per Vivi L'Arte Gaeta

Il 15 gennaio del 1866, a Napoli, esce il primo numero del giornale Lu Trovatore. Pubbecarrà tutto chello che trova. Proprio tutto? Forse! La storia dell'assedio di Gaeta, sì. Verrà pubblicata in napoletano, a puntate, su questo giornale che si potrà leggere tre volte a settimana e sarà tradotta dal francese in napoletano da un misterioso Don Saverio. Chi si cela realmente dietro questo misterioso nome? Il fatto è che, nel 1861, a qualche migliaia di chilometri da Gaeta, nella capitale belga, fu stampato in francese il primo giornale dell'assedio. Bruxelles vede quindi pubblicare quella che potremmo considerare l'editio princeps di Le siége de Gaete, di un tale Charles Garnier. Garnier era un analista politico, ma soprattutto un brillante giornalista che descrisse quel che avvenne a Gaeta intorno al 1861 in una serie di appunti. Presente durante l'assedio, egli riporta i fatti come li ha realmente vissuti.
Il 26 marzo 2014, a Gaeta, la settimana Vivi l'Arte Gaeta accoglie tra le mura del noto Palazzo de Vio, Vincenzo d'Amico con alla mano il nuovo volume nato dalle giudiziose scelte editoriali della D'Amico Editore: L'Assedio di Gaeta. In qualche minuto il pubblico di Vivi l'Arte fa un salto indietro nel tempo e con forte emozione scopre che qualcuno aveva pensato ai posteri. Questo "qualcuno" era Charles Garnier. Le cronache del giornalista francese hanno lasciato riaffiorare in tutti i presenti la personalità del popolo gaetano e dei sovrani del Regno delle Due Sicilie, l'identità di una Nazione, di una città. Una memoria storica. Allora il significato di "post unitario", "unità d'Italia" ha assunto un significato pieno e profondo.
 L'assedio di Gaeta, pubblicato dalla D'Amico Editore in napoletano propone assieme al testo di Garnier un'appendice fotografica e documentaria molto ricca, frutto di accurate ricerche. Altamente raccomandato, magari da leggere anche a voce alta ai nostri figli, lasciandoci guidare, il tempo di una lettura, dal filo della D'Amico Editore.

venerdì 1 novembre 2013

Il libro della settimana: I Misteri dei Celti



Vagando nelle librerie online, la nostra Redazione è stata molto incuriosita da questo volume: I Misteri dei Celti pubblicato relativamente recentemente da Stefano Mayorca, autore che già si era cimentato nelle redazione di opere con contenuti affini a quello citato. Si può parlare di mistero celtico?  Cosa celano queste antiche popolazioni con abitudini così diverse dalle nostre? In che modo hanno influenzato il mondo del Mediterraneo? Forse qualche risposta si può trovare in questo libro dalla copertina incantevole…

domenica 28 luglio 2013

Il Libro della settimana: Uttian


Questa settimana restiamo immersi nel verde e vi presentiamo Uttian. Si tratta di un romanzo di origini gaetane poiché il suo autore è il noto Luigi Stenta; ricordato dia più per le deliziose paste dolci.
Luigi Stenta narra in questo romanzo autobiografico i suoi primi ventotto anni di vita tormentati da avventure, passione, scoperte di nuovi mondi. L’opera è disponibile in pochi esemplari presso la nostra redazione. Per qualunque informazione a riguardo: info@isassolinidellafenice.com oppure 380 79 75 325.
Raccomandato.

giovedì 4 luglio 2013

Il libro della settimana


Questa settimana, mettiamo in evidenza un’opera presentata qualche tempo fa a Gaeta. Batman e Joker è il titolo del libro redatto da Giuseppe Sacco. Professore di Relazioni Internazionali, egli propone in queste pagine un’interessante analisi dell’evoluzione degli Stati Uniti d’America e del mondo occidentale in generale. Attraverso le avventure di Batman, il professore racconta le mutazioni del male da combattere e quindi le lotte da sostenere. Si tratta di una opera originale che raccomandiamo altamente a chi interessa l’argomento.

venerdì 14 giugno 2013

Il libro della settimana – Le avventure di Tintin, Il Segreto dell’Unicorno


Tanto per rimanere in tema di mare, vi consiglio la lettura del fumetto Tintin e il segreto dell’unicorno per cavalcare mari infestati di strani pirati alla ricerca di pergamene, di tre navi affondate e di un misterioso tesoro. Questo episodio di Tintin è particolarmente divertente poiché è in queste tavole che il giovane reporter di Bruxelles incontra per la prima volta il Capitano Haddock che appare come un ubriacone solitario, un vecchio lupo di mare che ha perso la fiducia nell’umanità.  Quando il capitano pensa che la sua vita non ha più senso e si vede tradito persino dalla sua ciurma, Tintin si catapulta nella sua cabina con Milou e l’enigma delle pergamene.
Molto consigliato. Per chi preferisce il piccolo schermo, Steven Spielberg ha curato la realizzazione del film Le avventure di Tintin, il segreto dell’unicorno.