Visualizzazione post con etichetta mafia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta mafia. Mostra tutti i post

lunedì 27 luglio 2015

La mossa del cavallo o partita di scacchi con istruzioni in siciliano

Una fine Ottocento che appare come un giorno qualunque del 2015, la parola carozza che si legge a stento, quasi certo di aver letto macchina. Una mossa saggia, quella del cavallo che avanza di tre caselle con due possibili direzioni...un modo per dare l'impressione di avere una direzione ben precisa, finché il giocatore decida: destra o sinistra? Vero o falso? Giusto o sbagliato? Una dicotomia, infernale senza mezze misure. Giovanni Bovara è un uomo come molti, umile e attaccato ai valori della nostra civiltà occidentale, i quali non trovano spazio accanto all'omertà della Sicilia. E' uno di noi che porta con sé la sua storia, le sue radici, la sua vita a Genova e i suoi studi, con una pietas pari a quella di un eroe di tragedie. Arriva in pieno sud per sostituire un suo collega, morto in condizioni sospette, come il loro predecessore. Carte mischiate, rovistate e sottratte da un avvocato che agisce per il bene del popolo. Un prete poco furbo per chi le sue fedeli sono attrici delle sue fantasie represse, una donna di scarsa morale, un cugino geloso. Parte un colpo di pistola, nell'arsura pomeridiana. E così, Giovanni Bovara è costretto ad adattare il suo linguaggio. Il vernacolo siciliano appare come l'unica possibilità di esprimersi e di essere compresi. La lezione è presto imparata e nonostante quello che ha capito, Giovanni deve accettare di capire quel che alcuni gli dicono sia. Giovanni, a quel punto, sceglie: 1, 2, e 3, a forma di L. La Mossa del Cavallo, Andrea Camilleri, un capolavoro ispirato a Politica e mafia del 1876, di Leopold Franchetti.

giovedì 21 agosto 2014

I Sassolini della Fenice per i Campi Antimafia: l'acquario è pronto!

Si è svolto mercoledì 20 agosto 2014 il terzo e ultimo appuntamento dell'Associazione Culturale I Sassolini della Fenice presso i Campi Antimafia organizzati dalla Cooperativa Sociale 101 Onlus. I membri dell'associazione culturale di Gaeta hanno coinvolto tutti i partecipanti al campo nella realizzazione di un acquario a partire da materiale riciclato. Il risultato è stato sorprendente. Sebbene qualche sguardo interrogativo fosse stato colto dai collaboratori della Fenice mentre si visionavano i filmati in francese e olandese per scoprire meglio la fauna e la flora del mare del nord, l'incertezza ha lasciato spazio poi alla creatività e al genio! L'acquario è stato concluso dal terzo gruppo che ha apportato le ultime modifiche e si è incaricato di mettere insieme tutti i pezzi. L'acquario è un progetto creativo che ha come risvolto educativo quello di insegnare la continuità, dare spazio alla fantasia e permettere di imparare a conoscere altre realtà. Proprio per questo scopo, i membri dell'associazione di Gaeta avevano preparato una piccola introduzione al laboratorio diffondendo due filmati sul mare del nord, in particolare sul gamberetto grigio e il metodo di pesca del pregiato crostaceo. L'idea di continuità è data dal fatto che i tre gruppi di partecipanti, a distanza di una decina di giorni, hanno apportato il loro contributo all'acquario. In tal senso, l'associazione I Sassolini della Fenice ribadisce, in linea con il pensiero di tutte le organizzazioni antimafia, l'importanza di guardare tutti nella stessa direzione per realizzare un progetto comune.