Visualizzazione post con etichetta mediterraneo. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta mediterraneo. Mostra tutti i post

sabato 23 agosto 2014

Il Libro della Settimana: Votli Dimenticati, Aldo Cavallo

Questa settimana la nostra Redazione è lieta di presentarvi un'opera di grande valore dal punto di vista storico, dal punto di vista della memoria collettiva e dal punto di vista letterario. Una testimonianza che potremmo paragonare a quella delle Metamorfosi di Ovidio, quando il poeta latino partì per la Grecia, allo scopo di ascoltare, raccogliere testimonianze e racconti di vecchie leggende sulle trasformazioni degli dei ... Anche Aldo Cavallo, a sua volta, ha avuto la pazienza, nel bel mezzo delle sue ricerche sulla Seconda Guerra Mondiale, di ascoltare anziani di diversi comuni del casertano. Come Ovidio, ha scoltato narrazioni vere, vicende vissute con intensità più di sessant'anni fa. Queste preziose testimonianze, questi racconti di gente comune - che ha vissuto la guerra nelle campagne, nei posti lontani dalla capitale, magari anche all'oscuro di quanto succedesse nel resto dell'Europa - hanno segnato l'autore Aldo Cavallo. Volti Dimenticati è una raccolta di questi racconti, redatti con uno stile limpido. I personaggi, Giovanni, Antonio, Erminia, Hans, Peppino, Giulio e gli altri, sono tutti indimenticabili. Volti Dimenticati si presenta con una nota dell'autore all'inizio di ogni storia narrata e con qualche fotografia. L'allestimento dell'opera - edita da Mediterraneo Edizioni -  risulta minuziosa e piacevole da leggere. I commenti che precedono le vicende narrate hanno come effetto quello di rendere ogni storia unica, permette al lettore di risalire indietro nel tempo, percependo tutto l'orrore di un episodio nero della Storia, ma anche il candore, l'amore che le persone possono comunicare. Questo lo rende consigliabile sia a un pubblico molto documentato sulla Seconda Guerra Mondiale sia a chi non è molto informato. E' consigliabile anche a un pubblico giovane che deve ancora scoprire l'argomento.

venerdì 22 agosto 2014

Premio Dragut: non più depredare ma restituire!

Torna il Premio Dragut che ha come obiettivo di incoraggiare la produzione artistica di artisti e rendere in tal modo la sua vera ricchezza al Golfo di Gaeta. Questo anno, le sezioni alle quali iscriversi sono cinque suddivise in questo modo: Fotografia, Poesia, Racconto, Arti Grafiche, Pittoriche, Sculturee e Musica. Il bando completo è stato pubblicato sulla pagina di Facebook relativa al Premio Dragut che trovate cliccando sul seguente link https://www.facebook.com/events/753325931392020/?fref=ts. La partecipazione al premio che porta il nome di un celebre corsaro è gratuita e il tema è quello dell'identità, delle emozioni e della memoria. La scadenza del bando sarà per il 31 agosto 2014 a mezzanotte. Che vi possa guidare sulla giusta rotta la vostra ispirazione e ricordate che per gli organizzatori del concorso, il vero tesoro, sono le vostre creazioni!