Visualizzazione post con etichetta poesia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta poesia. Mostra tutti i post

mercoledì 29 ottobre 2014

Un ponte di parole: premiato il vincitore!

El Hadji Malick Samb è il vincitore del concorso letterario Un Ponte di Parole organizzato dall'assessorato alla cultura del comune di Gaeta e dalle assaociazioni culturali Uni-vero Integrato e DeComporre. Una grande soddisfazione per il vincitore che si è visto consegnare il premio giovedì 23 ottobre 2014, durante le iniziative organizzate per il Festival della Comunità Solidale, dal sindaco Mitrano. Nell'area Workshop A.L.I., uno spazio è stato interamente dedicato alla premiazione in presenza di tutti i finalisti del concorso, degli spettatori entusasti, del sindaco, dell'assessore Sabina Mitrano (convinta promotrice dell'iniziativa alla pari con le due assocazioni organizzatrici), del dirigente Antonio Zangrillo, della responsabile dell'A.L.I. Festival Rossella Porceddu, di Giuseppe Napolitano, di Maria Grossi dell'Associazione "Insieme Immigrati in Italia". Una premiazione come una festa durante la quale è stato possibile per la nostra redazione di intervistare Malick il quale ha gentilmente accettato di rispondere alle nostre domande. 
1. Come mai hai deciso di avvicinarti alla scrittura?
Io mi sono avvicinato alla scrittura per "continuità". Già in Senegal scrivevo testi di canzoni rap in wolof, lingua del Senegal. Il wolof mescola il francese e altre lingue europee. Il rap è molto apprezzato in Senegal e i giovani lo adorano. Io ho iniziato da ragazzino, quando avevo 9 anni. Poi la mia immigrazione è stata casuale. Sono stato presidente della delegazione del mio liceo per rappresentare il Senegal durante un gemellaggio in Francia. Sarei dovuto tornare in Africa, ma come la maggiore parte dei giovani, pensavo che in Europa tutto fosse meglio e quindi sono rimasto. Avevo 19 anni e i miei genitori mi affidarono a mio zio che abitava in Italia. All'inizio era tutto molto bello ma una volta che mi è scaduto il visto, ho realizzato di essere un clandestino. Non potevo lavorare, non potevo fare nulla. E' stato terribile.
2. Cosa hai fatto a quel punto?
La prima cosa che ho fatto è stato di imparare l'italiano. Mi sono andato a comprare un dizionario di italiano! E' stata la prima cosa che ho fatto. Poi mi sono spostato nel paese in cerca di qualcosa da fare. Dopo due anni di giri durante i quali sono giunto perfino in Spagna, mi sono iscritto a un corso di alfebetizzazione dell'italiano e scrivendo l'italiano, ho capito che scrivere era quello che volevo fare. Ho scritto allora Il Destino di un Clandestino.
3. Si tratta di un autobiografia?
 Sì, è la mia autobiografia nella quale apro ogni tanto qualche "finestra" sul Senegal e sull'Africa in generale. Quando ho deciso di scrivere il libro, ho consultato il professore Campanini che mi  ha aiutato. Il libro è piaciuto e molti lettori mi hanno incoraggiato a continuare a scrivere. Così, mi sono avvicinato alla scrittura!

martedì 26 agosto 2014

Associazione DeComporre: serata di poesia il 26 agosto alle ore 21.30

Non mancate l'appuntamento con l'Associazione Culturale più seguita del Golfo! L'associazione DeComporre martedì 26 agosto 2014 alle ore 21.30, nella splendida cornice dello stabilimento balneare Palm Beach, situato sulla spiaggia di Serapo propone una serata dedicata alla poesia. Una serata tutta in versi piena di sorprese alla quale tutti sono invitati a partecipare. A presentare il tutto, Max Condreas e Sandra Cervone, un duetto già conosciuto dai fan dei DeComposti che ha la meravigliosa capacità di riempire ogni parola detta da profondi significati, un duetto che porta ogni spettattore ad assaporare la magia di ogni verso letto nell'allegria. Trovatori dei tempi moderni, Sandra e Max rendono ogni appuntamento con la letteratura indimenticabile e fruibile anche a chi pensa forse di non essere "un giusto spettatore" per tali eventi. Martedì 26 agosto 2014, alle ore 21.30, complici cielo e mare, la serata sarà piena di fascino, tra musica, versi e risate. Un appuntamento da non perdere! Ingresso libero.

lunedì 28 luglio 2014

Gianni l'Imperio, poeta populi

Ha avuto luogo domenica 21 luglio 2014 la presentazione della nuova raccolta poetica di Gianni l'Imperio per deComporre Edizioni. Una sorprendente raccolta dalla quale alcune poesi hanno ispirato il giovane pittore di grande talento Cristian da Cuostolo. Ispirato dai versi di Gianni, l'artista di Gaeta ha proposto diversi quadri che raffiguravano ciò che è espresso con le parole. La raccolta, intitolata All that jazz, tocca argomenti diversi, dall'amore alla tristezza che si prova per la perdita di qualcuno. Gianni l'Imperio descrive nelle sue poesie le contraddizioni che animano gli uomini e comunica a tutti il messaggio che ognuno può leggere. L'evento, a cura di deComporre Edizioni, si è svolto nella sala del Flacca Café, luogo di numerosi appuntamenti culturali. Lì, esposti i quadri di Cristian da Cuostolo - fra i quali quello che rappresenta la veste grafica dell'opera edita da deComporre Edizioni - questi sono stati sapientemente commentati durante le letture da Sandra Cervone e Max Condreas. Il risultato è stato quello di ottenere una presentazione letteraria fuori dai canoni che ha regalato a tutti un momento di pura cultura. Toccante la presenza di tutti i topoi della poetica di Gianni nei dipinti, segno ineluttabile che il pittore abbia colto in pieno il significato profondo di ogni componimento da lui illustrato. In My Castle For You, quadro che rappresenta un castello e un percorso seguito da innamorati a cavallo per arrivarvi, emerge chiaramente l'attaccamento al tema dell'amore in stretta connessione con quello della vita. La rappresentazione pittorica non esclude le sfumature dell'amore date dal poeta, e infatti, sul bianco cavallo, partono gli innamorati, due sono le strade, parallele, e proseguono verso il castello. Gianni, in un'intervista rilasciata alla Redazione, ha rivelato di essere molto felice della pubblicazione di queste sue poesie in unica raccolta che appunto, all that jazz, tratta un po' di tutto. La sua ultima raccolta, pubblicata nel 2011 dal titolo Nessuna Connessione, lasciava già percepire l'assenza di schemi per le poesie dell'autore che le rendono a portata di tutti e scevre da qualunque classificazione all'interno del genere poetico. Dopo l'esordio nel 2007 con Albatro - titolo che lascia trasparire una chiara ispirazione a Baudelaire - Gianni aveva già riscosso notevole successo, proprio perché  rende le parole più semplici e delicate, portatrici di  forti significati. Gianni l'Imperio è conosciuto anche per la sua passione per il jazz e per la sua musica. Per la musica, ecco un link tratto dal sito della band di Gianni, Bozze Island, https://myspace.com/boozeisland/video/sleepwalker-in-the-ocean/108284922. Per la raccolta di poesia, si consiglia www.decomporredizioni.com. I titoli di deComporre Edizioni sono comodi, di giuste dimensioni e piacevoli da leggere. Ideali da portare con sé in viaggio o al mare, regalano momenti di puro relax, a prezzi accessibilissimi e il catalogo offre un'ampia scelta tra vari generi.

sabato 19 luglio 2014

All That Jazz o la febbre di domenica sera!

Un appuntamento poetico letterario che promette emozionanti momenti domenica 20 luglio 2014 alle ore 19.30 in via Maresca, al Flacca Caffè d'Arte. Il poeta Gianni L'Imperio presenta la sua nuova raccolta poetica All That Jazz, pubblicata da deComporre Edizioni. Per l'occasione, il Flacca Caffè d'Arte vestirà il suo spazio dei quadri dell'artista gaetano Christian da Cuostolo, realizzati appositamente per le poesie di Gianni L'Imperio. Un appuntamento da non mancare durante il quale interverranno Sandra  Cervone, Max Condreas, il Maestro Dino Bartolomeo e il photo designer Marco Meschino. Un incontro suggestivo, tra immagini e parole, l'espressione della profondità dell'animo umano. All That Jazz, domenica 20 luglio 2014, ore 19.30 al Flacca Caffè d'Arte, da non perdere!