venerdì 2 gennaio 2015

I vicoli di Traetto raccontano: un viaggio nel tempo da non perdere!

Un viaggio nel tempo, con vista sull'affascinante Mare Nostrum, ecco quello che ci vuole per iniziare nel migliore dei modi il 2015! Traetto, o meglio Minturno, vi accoglie sabato 3 gennaio 2015 a partire dalle ore 15.30 per scoprire sotto una nuova luce i suoi vicoli, le sue storie e le sue tradizioni. Si tratta di una rievocazione storica che permetterà ai visitatori di scoprire la quotidianità della città del Basso Lazio attraverso i secoli, guidati per circa trenta minuti dalla storica dell'arte Stefania De Vita, il tutto ascoltando versi declamati del poeta Cristoforo Sparagna dagli attori della Compagnia Teatrale La Scaletta. Le visite sono previste per l'intero pomeriggio con partenza ogni 20 minuti circa. Dalle 15.00 alle 17.00, sarà possibile seguire degli stage gratuiti di scherma storica e di arte folclorica nella corte del Castello Baronale a cura delle associazioni folkloristiche e dell'Associazione Lame del Golfo. Alle ore 17.30, nell'antica chiesetta di S. Biagio si terrà la presentazione dell' Ebook Linea Gustav frutto della collaborazione del Comitato Dragut e degli studiosi Francesco Zenobio, Biagio Apruzzese, Cesare Crova e Salvatore Cardillo. Alle ore 18.30, vi sarà l'esibizione della Banda Musicale Piccola Orchestra di Fiati Maria Loreta Proia diretta dal maestro G. Izzo di Minturno. Durante tutto il pomeriggio, si potranno assaggiare prodotti tipici e recarsi in diversi punti del grazioso borgo per vedere mostre diverse. Infine, la chiusura dell'evento è prevista per le 19.00 con l'esibizione del coro Controcanto diretta dalla prof.ssa Emilia Alicandro. Per rendere il tutto ancora più attraente e piacevole, c'è da segnalare che i parcheggi saranno gratuiti per tutta la durata dell'evento mentre, per quel che riguarda la vendita di prodotti tipici, è con piacere che gli organizzatori segnalano che il ricavato sarà devoluto in beneficienza. Per la realizzazione di queste splendida manifestazione, si nota il concorso di diverse associazioni locali quali Accademia Fotografica, I Giullari, Le Tradizioni, Le Tre Torri, I Bandierai del Ducato di Traetto, Iter, Bucaneve, Uniti per Minturno, Comitato Dragut, Gli Sbandieratori dei Casali, I Paggetti, Associazione, Folcloristica Minturno, Italia Nostra, Arim, Confcommercio, Le Lame del Golfo, Angoli di colore, Compagnia Teatrale La Scaletta, Compagnia Teatrale Traetto, Centro Attività Musicali, Controcanto, Banda M. L. Proia, Nati per leggere, Amici del libro Biblioteca L. Raus, Minturno in movimento  Da non perdere! Vi segnaliamo l'evento per leggere il programma dettagliato all'indirizzo: https://www.facebook.com/events/290641784479757/.

Liegi: l'Arte degenerata (secondo Hitler) in mostra in Place Neujean

Una mostra di eccezione organizzata a Liegi che racchiude negli edifici di Place Xavier Neujean opere di artisti "degenerati", secondo Hitler. Dal 19 ottobre 2014, sono in mostra capolavori di Gauguin, Picasso, Koshka, Matisse nelle sale della Cité Miroir (città specchio), luogo di intercultura nel capoluogo belga. La mostra è stata creata ricordando una vendita di opere d'arte che ebbe luogo in Svizzera, nel 1939. I nazisti ebbero l'idea di fare una svendita di tutte le opere presenti nei musei tedeschi e classificate dal loro capo in persona come testimonianze di un'arte degenerata e indegna. Furono messe all'asta tela dei maggiori esponenti dell'arte conteporanea del momento. L'Art dégénéré selon Hitler vi aspetta fino al 25 marzo 2015 ed è accessibile tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00. Per giunta, il biglietto integrato da l'accesso anche ad altre mostre allestite in città; fra tante, anche a quella attualmente organizzata nel celebre museo Curtius. Da non perdere!

martedì 30 dicembre 2014

Mercatini di Natale: vivamente dicembre 2015...per tornare a Liegi!

Prenderà fine in questi giorni il mercatino di Natale della città di Liegi, un appuntamento da non perdere per chi vive in Belgio o nei paesi limitrofi o ancora per chi viene per un week-end relax. La città ardente - cosi la chiamano i suoi abitanti -  ancora una volta ha incantato tutti, vestita con i colori della festa, con tutti i piccoli chalet di legno sparsi per le sue antiche vie. Profumi e assaggi di prodotti tipici hanno permesso delle soste gioiose presso gli artigiani venuti da tutte le parti della Vallonia per esporre, durante un mese tutto il loro savoir faire. Ma il mercato di Natale di Liegi è anche un insieme di colori, di gioia, di armonia da vivere insieme. Fermarsi con gli amici o la famiglia a bere qualcosa all'aria aperta nonostante le fresche temperature, passeggiare con i bambini alla ricerca di Babbo Natale... E' anche un momento di ritorno alle origini, alle tradizioni. Sui palchi, rappresentazioni teatrali, sketch in dialetto di Liegi hanno assicurato risate e piogge di applausi. Per finire, il mercato di Natale di Liegi significa un incontro con Babbo Natale, un giro sullo scivolo gigante o ancora sulla grande ruota per ammirare dall'alto la città illuminta. Liegi è stata anche questo anno la cornice dell'importante iniziativa a favore dell'infanzia Viva For Life. Un mese di dicembre scintillante, nel capoluogo francofono!

martedì 16 dicembre 2014

Il Vesuvio, protagonista al cinema teatro Ariston di Gaeta mercoledì 17 dicembre 2014

Sul Vulcano è il titolo del nuovo film documentario di Gianfranco Pannone che sarà presentato dal regista mercoledì  17 dicembre nel sontuoso Teatro Cinema Ariston di Gaeta alle ore 20.30. Protagonista principale, il Vesuvio, alle falde del quale Maria, Matteo e Yole vivono la loro vita. I tre protagonisti dimostrano nelle loro attività quotidiane un profondo attaccamento alla loro terra di origini. Un territorio che appare oggi molto inospitale e forse non solo perché il vulcano potrebbe riprendere la sua attività da un momento all'altro. Sul Vulcano è un ritratto dell'Italia di oggi - seppur prendendo ad esame soltanto il territorio vesuviano - che vive nelle sue contraddizioni, da e toglie la speranza, da e toglie la vita, da e toglie la voce. L'Italia che rende tutto più brutto, tutto più marcio nei sui decori idilliaci, nei suoi sentieri meravigliosi animati ancora dal ricordo di nomi illustri e invidiati da tutto il mondo. Un'opera cinematografica importante che propone una riflessione di rilievo attraverso riferimeti letterari, storie di vite vissute. Mercoledì 17 dicembre 2014, l'incontro sarà coordinato dal critico cinematografico Alessandro Izzi. Non  mancante!

mercoledì 10 dicembre 2014

Il libro della settimana: il venditore di cappelli, Elda Lanza

Un nuovo caso che stuzzica la curiosità dell'ex commissario di polizia Max Gilardi e sconvolge il suo cuore...il racconto inizia a Napoli, dove un venditore di cappelli, Domenico Sarli, scompare lasciando come unica traccia una busta vuota indirizzata a Gilardi. Su questo ultimo si accendono i riflettori della stampa che ipotizza di tutto. Interrogato dalla polizia, l'avvocato decide di indagare per conto suo, incuriosito. Del venditore di cappelli, nessuna traccia. I media tornano a dedicarsi all'unico caso di cronoca nera degli ultimi mesi: un cadavere rinvenuto completamente sfigurato. Circa venti giorni dopo la sua scomparsa, Domenico Sarli ritorna come se nulla fosse in ottima compagnia: l'uomo spiega di essere semplicemente stato in Romania, dalla sua bellissima amata per sposarsi... entra allora in scena l'irraggiungibile e affascinante Ermeline. Gilardi sprofonda in una losca storia che vede complici uomini e donne altolocati, storie di delinquenti e poliziotti; nell'oscuro scenario, l'unico raggio di luce arriva da Paola, disegnatrice di gioielli. Con il suo amore, salverà Max Gilardi e gli regalerà la chiave dell'enigma. Un romanzo da leggere tutto di un fiato, con personaggi intriganti e appassionanti. Un intreccio che soddisfa tutte le attese dei lettori che desiderano leggere un vero giallo, anche se si riscontrano caratteristiche di altri generi letteri nel romanzo, rendendol cosi più verosimile e completo. Il venditore di cappelli è basato su un incredibile equilibrio letterario di altissima qualità, un romanzo perfetto da leggere tutto di un fiato. Altamente raccomandato.

mercoledì 3 dicembre 2014

LILT: il suo posto anche a Gaeta

E' da tanto che i volontari LILT (Lega Italiana Lotta Tumori) di Gaeta si impegnano per diffondere la prevvenzione e informare i cittadini sul rischio e le malattie oncologiche. Il gruppo LILT di Gaeta, rappresentato dal delegato Rosario Cienzo, si impegna moltissimo per permettere alle informazioni utili di essere a portata dei cittadini. Sebbene non vi sia ancora un centro LILT a Gaeta, Rosario Cienzo ha dichiarato  in un'intervista rilasciata alla nostra Redazione che i rapporti con la ASL di Latina si stanno sempre più stringendo. Dato l'alto tasso di tumori riscontrati nel Golfo, un punto LILT - secondo Rosario Cienzo - al fine di potere erogare prestazioni gratuite di prevenzione è indispensabile (screening, mammografie, servizio di cardiologia, ...). Prima avviene la diagnosi e più sono numerose le possibilità di guarigione, questo è uno dei messaggi che i volontari LILT attraverso le loro iniziative vogliono trasmettere. Iniziative che si preannunciano ricche e varie dall'evento culturale (teatro, poesia, ...) alla raccolta di fondi per finanziare la ricerca, i volontari sanno quanto l'argomento tumore tocchi tutti i cittadini, qualunque siano i loro interessi, le loro abitudini o professioni. Avere un centro LILT che permetta gratuitamente di facilitare la diagnosi precoce rappresenterebbe per Gaeta un punto di forza e un gesto di amore verso tutti. Questa possibilità verrà probabilmente realizzata, se non per la metà di dicembre, nel 2015. Infine, durante l'icnontro con la nostra Redazione, Rosario Cienzo ha tenuto a sottolineare più volte che la LILT, benché collabori in stretta relazione con la ASL, non sostituisce il sistema sanitario nazionale e quindi eroga delle prestazioni gratuite al solo scopo di prevenire e non di curare o sostituire medici. Il ruolo della LILT è di fondamentale importanza ma non è da confondere con altri ruoli. Sensibilizzazione a 360 gradi, questo l'obiettivo del gruppo di Gaeta che non esiterà anche a delineare i contorni di una vita sana e equilibrata, perché anche questo può essere un atto di prevenzione.

lunedì 1 dicembre 2014

Pacem in terris: l'augurio del Coro delle Voci Bianche e dell'orchestra Marco dall'Aquila

Fotografia di Enrico Duratorre
Potesse il magico periodo di Natale essere un periodo lungo di circa 365 giorni, sarebbe l'augurio di quasi tutti i bambini... ma anche di chi venerdì 28 novembre 2014 si trovava nella Basilica di San Giovanni in Laterano dove si è tenuto il concerto di Natale Pacem in Terris con il Coro delle Voci Bianche del Teatro Opera di Roma e l'Orchestra Marco dall'Aquila diretti dal giovane e talentuoso Maestro Jacopo Sipari di Pescasseroli. Voci vibranti, cristalline di ospiti illustri venuti  per cantare o per leggere o ancora per recitare, come quella di Ami Stewart, Simona Molinari, Jiny Steffans, Sal Da Vinci, Ivana Spagna e ancora Silvia Capasso e Valeria Fabrizi. Stelle radunate in un pomeriggio magico che si muovevano come incatate dai gesti del Maestro Sipari, note sparpagliate come le gocce di una pioggia di regali preziosi. Regali che alloggiano ora in fondo al cuore degli spettatori commossi e danno la forza a chi li detiene di continuare a mandare messaggi d'amore. Un concerto per la pace, un concerto di Natale in un luogo di pace e d'amore che ha dimostrato quanto l'arte e la cultura sono umili servitori del Bene e dell'Amore.
https://www.facebook.com/EnricoDuratorrePhotography/photos/t.1777639533/731917813558252/?type=1&theater --> andate pure a dare uno sguardo!